Riscopriamo l’arte: i musei da visitare virtualmente

Riscopriamo l’arte: i musei da visitare virtualmente

musei

L’associazione nazionale culturale Civitagram, in attesa dell’uscita del nuovo libretto delle convenzioni ARCI per gli anni 2020 – 2021, vuole indicarti una serie di musei che, durante il periodo della pandemia COVID – 19, hanno deciso di rendere visitabili i loro spazi e le loro opere in modalità virtuale (tutt’ora puoi visitarli).

Basta uno smartphone, un tablet o un PC per immergersi nella bellezza dell’arte comodamente da casa.

Ti ricordiamo che è attiva la campagna associativa di Civitagram: oltre alle convenzioni ARCI, hai la possibilità di usufruire delle convenzioni locali con le PMI, di partecipare alla vita associativa e di realizzare, insieme a noi, iniziative di valorizzazione del territorio.

Intanto, scopriamo insieme i musei visitabili virtualmente. 👇🏻

1. Cappella Sistina e i musei Vaticani

musei virtuali

I musei Vaticani hanno aperto le porte ai visitatori virtuali regalando 8 diversi percorsi: sul sito del museo è possibile fare un tour a 360° della Cappella Sistina, il tesoro artistico più prezioso del Vaticano, delle Stanze di Raffaello, gli appartamenti papali affrescati dal grande artista urbinate, e da alcune tra le collezioni più importanti.

Fra queste menzioniamo il Museo Pio-Clementino, che ospita sculture greche e romane, il Museo Chiaramonti e il Braccio Nuovo, che espongono sculture, sarcofagi e iscrizioni in pietra, il Museo Profano con antichità greche e romane, la Cappella Niccolina, affrescata dal Beato Angelico, e la Sala dei Chiaroscuri, con importanti opere del Raffaello.

2. Il museo egizio di Torino

museo Civitagram

Il secondo museo d’arte egizia più importante al mondo dopo quello del Cairo , ha deciso di offrire il suo patrimonio in modo virtuale.

Ogni giovedì e sabato, su YouTube, ci sono inoltre le Passeggiate del Direttore, visite virtuali tra le sale del museo guidate dal direttore Christian Greco, mentre il lunedì i curatori del museo raccontano alcuni degli oggetti più curiosi delle collezioni.

Attualmente, il Museo conserva una collezione di circa 40.000 reperti; di cui 3.300 oggetti sono esposti nelle sale museali e circa 12.000 nelle Gallerie della Cultura Materiale. I reperti sono dislocati in uno spazio visitabile di 12.000 mq, disposti su 4 piani.

3. Musei da non perdere: La Galleria degli Uffizi

View this post on Instagram

#FollowersDay Il #TondoDoni di Michelangelo: il succedersi delle generazioni espresso tramite il sormontarsi dei gesti. Torniamo a ragionare di figure serpentinate grazie allo scatto di @rossella_ferrati che accompagniamo a questo acuto passo di Giulio Carlo Argan (1968). “Il nodo plastico delle figure non è al centro: la simmetria arresterebbe il moto a spirale della forma, priverebbe di ogni evidenza il concetto di sormontarsi e scavalcarsi nei tempi. Il moto nasce dunque entro la piramide del gruppo, da un concatenarsi di spigoli vivi (le ginocchia della Madonna e di san Giuseppe, il braccio della Madonna e quello del Bambino) che costituiscono gli scatti del ritmo a spirale ascendente dell’insieme. Gesti che sono sorgenti di forza e spinta per tutto il gruppo: la muscolatura è turgida e tesa, ma non in funzione di sforzo reale, ma come pura carica di energia per un ritmo astratto di linee e angoli. Le idee mettono in moto la realtà, determinano il succedersi della storia e delle epoche: i nudi del mondo pagano, il Vecchio e il Nuovo Testamento e san Giovannino legame tra i due mondi.” • 🌎ENG: The Doni Tondo by #Michelangelo: the passing of the generations expressed by surmounting gestures. Let's deal one more time with serpentine figures thanks to the pic by @rossella_ferrati that we match with this keen reflection of Giulio Carlo Argan (1968).“The plastic tangled figures are not in the center: the symmetry would stop the shapes’ spiral movement, it would deny the concepts of consecutive surmounting and overtaking of ages in time. So the movement arises within the pyramid-shaped group, from a chain of sharp edges (the knees of the Madonna and St. Joseph, the Madonna’s arm and the one of the Child), which make up the moments of the overall ascending spiral rhythm. The gestures are sources of strength and push the whole group: the muscles are turgid and tense, not in consequence of a real effort, but rather as pure surge of energy for an abstract rhythm of lines and angles. Ideas set reality in motion and determine the succession of history and ages: the naked men of the pagan world, the Old and New Testament and Saint John as the link between the two world

A post shared by Gallerie degli Uffizi (@uffizigalleries) on

Ipervisioni è il progetto di visita virtuale creato dalle Gallerie degli Uffizi di Firenze, un tour a 360° attraverso le sale del museo e i suoi capolavori (tra cui primeggia la maggiore collezione al mondo di opere del Botticelli e del Raffaello).

Il tour virtuale propone diversi percorsi tematici e permette di muoversi tra le sale ammirando le opere con immagini ad alta definizione e schede di approfondimento. 

Le raccolte di dipinti del Trecento e del Rinascimento contengono alcuni capolavori assoluti dell’arte di tutti i tempi.

Basti ricordare i nomi di Giotto, Simone Martini, Piero della Francesca, Beato Angelico, Filippo Lippi, Botticelli, Mantegna, Correggio, Leonardo, Raffaello, Michelangelo, Caravaggio.

4. Duomo di Milano

Il Duomo, simbolo di Milano nel mondo, attende i suoi visitatori per un inedito tour virtualeun video sul sito ufficiale attraverso straordinarie immagini a 360° percorre le lunghe navate del Duomo fino all’Altare Maggiore, scendendo quindi nell’area archeologica e risalendo in cima. 

Sfruttando i social, ogni lunedì alle 15.00 vengono presentati dei brevi tour virtuali dell’iniziativa #IlDuomosiracconta: tra i temi ispirati al Duomo ci sono la Meridiana, il Tintoretto, le Sacrestie, i Campanili, le indorature della Madonnina e il dizionario delle Terrazze.

Osservazioni

In un periodo storico come quello che stiamo vivendo, caratterizzato da frenesia, mancanza di tempo e realtà liquidi, staccare la spina dalla vita quotidiana per conoscere ed esplorare posti nuovi è essenziale.

Ciò che c’è da dire però, è che non sempre il tempo che abbiamo a disposizione è sufficiente per poter godere delle bellezze culturali presenti.

Ecco che quindi, Internet può correre ai ripari portando il mondo a coloro che rimangono a casa, a chi non ha tempo di esplorare paesaggi o monumenti o a chi non può visitare un museo. 

Il tour virtuale è sicuramente una soluzione adatta sia per gli adulti che per i bambini: quest’ultimi possono sfruttare le visite virtuali per conoscere e imparare cose nuove. 

Noi di Civitagram vogliamo presentarti il progetto Google Art Project ,il nuovo sito Google che ha fotografato in 3D diversi musei del mondo, per una visita virtuale completa, tramite la tecnologia Street View.

Sul sito ci sono attualmente: Versailles a Parigi, Musei di Berlino, Madrid (Reina Sofia e Tyssen), Metropolitan di New York, National Gallery a Londra, Uffizi a Firenze, Van Gogh ad Amsterdam e diversi altri).

Per tua fortuna, Civitagram ti darà l’opportunità di visitare queste bellezze fisicamente.

Puoi iscriverti all’associazione qui

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui social e condividi i nostri post :)